Il Castel Sismondo di Rimini prende il proprio nome dal

suo ideatore e costruttore, Sigismondo Pandolfo Malatesta, a

quell'epoca signore di Rimini e Fano. L'odierna struttura

rimasta non rappresenta altro che il nucleo centrale del

castello, che era originariamente difeso da un ulteriore giro

di mura e da un fossato.

 

Castel Sismondo fu costruito per volere di Sigismondo

Pandolfo Malatesta a partire dal 1437, in un periodo di

grande prosperità per la signoria malatestiana. Fu ideato

come fortezza e palazzo al tempo stesso, di grandiose

proporzioni, che dovesse rappresentare visivamente il potere e la supremazia del signore sulla città

Sigismondo, celebrato come architetto dell’opera dagli

scrittori di corte, fu verosimilmente ispiratore e coordinatore

del progetto, per la sua esperienza di condottiero e la grande

conoscenza delle arti belliche. Di certo il signore fu

affiancato da progettisti ed ebbe la consulenza, poco dopo

l’inizio dei lavori, di Filippo Brunelleschi, architetto di grande

prestigio chiamato a Rimini nel 1438 per eseguire

sopralluoghi nelle principali fortezze della signoria[1][4][5].

Alla fabbrica inoltre lavorarono, prima dell’arrivo di

Brunelleschi e ancora nel 1454, Cristoforo Foschi e Matteo

Nuti

Nelle foto di Gabriele Margon 

 

Si ringrazia per la visita :

Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini

Tel. 0541.351611

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il castello di Gradara è una fortezza medioevale che sorge nel comune di Gradara, in provincia di Pesaro e Urbino(PU),

nelle Marche.

 

 

È protetto da due cinte murarie, la più esterna delle quali si

estende per quasi 800 metri, rendendo la struttura imponente.

Particolarmente suggestiva è la vista della Rocca e del

sottostante borgo storico nelle ore notturne.

 

Il castello - di proprietà demaniale - è uno dei monumenti più

visitati della regione e è teatro di eventi museali, musicali ed

artistici .

 

 

Gradara è stata, per posizione geografica, fin dai tempi antichi

un crocevia di traffici e genti: durante il periodo medioevale la

fortezza è stata uno dei principali teatri degli scontri tra le

milizie fedeli al Papato e le turbolente casate marchigiane e

romagnole. La Rocca avrebbe fatto da sfondo -

secondo talune ipotesi storiche - al tragico amore tra Paolo

Malatesta e Francesca Da Rimini, moglie di suo fratello

Gianciotto, cantato da Dante nella divina commedia.

 

 

Orario di ingresso alla Rocca Demaniale (il Castello di Gradara)

  • lunedì: dalle 8.30 alle 13.00
  • dal martedì alla domenica: dalle 8.30 alle 18.30

CHIUSO: 25 dicembre e 1 Gennaio

Prezzi di ingresso

(Aggiornati al 01/07 /14 con il nuovo decreto ministeriale)

Biglietto intero:

€ 4,00

  • dai 25 anni di età

Biglietto ridotto:

€ 2,00

  • per tutti i cittadini dell’UE di età compresa tra i 18 ed i 25 anni
    (vale anche per i cittadini stranieri a condizione di reciprocità nella riduzione)
  • per i docenti con incarico a tempo indeterminato delle scuole statali.

Ingresso gratuito:

  • per i cittadini italiani che non abbiano compiuto il 18esimo anno di età (vale anche per i cittadini stranieri a condizione di reciprocità nella gratuità)
  • per i dipendenti del Ministero dei Beni Culturali
  • guide interpreti turistici
  • membri I.C.O.M.
  • docenti e studenti di Architettura, Lettere, Conservazione Beni Culturali, Accademie Belle Arti, ecc.
  • docenti con certificazione MIUR

Testi di Wikepedia.org ( Enciclopedia Libera) - e di Proloco di Gradara - 

Francesca da Polenta, o da Rimini (Ravenna, 1259/1260 – Gradara, 1285), era figlia di Guido da Polenta, signore di Ravenna.

«Siede sulla terra dove nata fui su la marina dove 'l Po discende pre aver pace co' seguaci sui.»

La camera di Francesca da Polenta, o da Rimini - al Castello di Gradara

 

Biografia

Dante tace la precisa designazione del luogo di nascita ma la perifrasi indica, senza dubbio, Ravenna.

Il padre Guido da Polenta, capofamiglia dei Da Polenta, signori di Ravenna, decise di dare in sposa la figlia a Gianciotto

Malatesta, condottiero che combatté assieme al fratello Paolo per i Da Polenta nella loro guerra contro i Traversari per il

dominio di Ravenna. Gianciotto era il figlio del signore di Rimini, Malatesta da Verucchio. Le nozze erano state combinate

dalle famiglie almeno dal 1266, non è chiaro se per sancire una pace duratura tra le due signorie, che ebbero spesso screzi

e scontri, o decise invece come riconoscimento ai Malatesta che aiutarono Guido a imporre il proprio dominio su Ravenna.

 

Ad ogni modo non si trattava certo d'un matrimonio d'amore nel 1275,

quand'ella aveva 15-16 anni.Di Francesca si sa poco, certo è diede al marito

una figlia Concordia.

Secondo il celebre racconto di Dante Alighieri, unico testimone e narratore

sincrono della vicenda, ella s'innamorò di Paolo Malatesta, suo cognato,

durante il suo matrimonio. Tra i due nacque un amore segreto, che

quando fu scoperto,venne punito con l'uccisione dei due amanti.

La morte di Paolo e Francesca, secondo gli studi più recenti, avvenne tra il

1283 e il 1285, quando Gianciotto aveva poco più di quarant'anni,

Paolo tra i trentasette e i trentanove, Francesca tra i venti e i venticinque.

In nessun storico loro contemporaneo si trova menzione di Paolo e Francesca

dopo il febbraio 1283, quasi a voler censurare un episodio increscioso e

imbarazzante per la Signoria riminese.

 

Nelle foto accanto il vestito di Francesca da Rimini che si trova presso il

Castello di Gradara dove è conservata la sua stanza ;

Fonte da Wikipedia

Pagina 1 di 4

Free Joomla! template by Age Themes

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti dal sito  per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da teatrozandonai.it in funzione delle finalità d’uso

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie, persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

 

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del Sito. teatrozandonai.it userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

 

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

 

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

 

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

teatrozandonai.it, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

 

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da teatrozandonai.it e che che quindi non risponde di questi siti.

 

Chrome

  • Eseguire il Browser Chrome
  • Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare Impostazioni
  • Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  • Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
  • Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
  1. Consentire il salvataggio dei dati in locale
  2. Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
  3. Impedire ai siti di impostare i cookie
  4. Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
  5. Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
  6. Eliminazione di uno o tutti i cookie

Mozilla Firefox

  • Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  • Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare Opzioni
  • Seleziona il pannello Privacy
  • Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  • Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
  • Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
  1. Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
  2. Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
  3. Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  4. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
  1. Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta
  2. Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Internet Explorer

  • Eseguire il Browser Internet Explorer
  • Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  • Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
  1. Bloccare tutti i cookie
  2. Consentire tutti i cookie
  3. Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Safari 6

  • Eseguire il Browser Safari
  • Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  • Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  • Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

  • Eseguire il Browser Safari iOS
  • Tocca su Impostazioni e poi Safari
  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Opera

  • Eseguire il Browser Opera
  • Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  • Selezionare una delle seguenti opzioni:
  1. Accetta tutti i cookie
  2. Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
  3. Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.